Il Circolo Arci Zone K e Roots Music Club in collaborazione con ARCI Ferrara e con il Patrocinio del Comune di Ferrara presentano:

A Band Called E (Thalia Zedek, Jason Sanford e Gavin McCarthy)
LUNEDI' 6 FEBBRAIO 2017 SALA ESTENSE - FERRARA
UNICA DATA IN EMILIA ROMAGNA!
Apertura Porte ore 20:00 | Inizio Show ore 21:15
Ingresso: € 10,00

Prevendite online su portale dedicato: http://bit.ly/BandCalledEFE

Una volta completato l'acquisto online, stampare e presentare la mail di conferma per ritirare il biglietto di ingresso presso la biglietteria della Sala Estense la sera del concerto.

A Band Called E è un trio composto da Thalia Zedek (Come, Uzi, Live Skull), Jason Sanford (Neptune (band)) e Gavin McCarthy (Karate (Band)). Insieme hanno realizzato un album che mescola un suono industrial esplosivo alla calma e alla meditazione che solo i grandi songwriter conoscono. Benché ogni componente della band abbia decenni di esperienza nella scena dell'alternative rock, il loro sforzo collaborativo ha partorito un lavoro che è al tempo stesso diverso da qualsiasi cosa sia arrivato prima di esso, ma anche il risultato di tre veterani che lavorano in totale armonia. Quello che distingue gli E da altre band contemporanee è la loro volontà quasi “giovanile” di sperimentare, mostrando al contempo la maturità della moderazione e dell'austerità. Nel loro album di debutto omonimo, gli E hanno sviluppato un suono che è sia meccanicamente che emozionalmente orientato. Una combinazione che i tre descrivono come “soul music per automi”. Zedek e Sanford hanno iniziato a lavorare assieme nel 2013, cercando di soddisfare il comune desiderio di tuffarsi in realtà musicali più collaborative rispetto alle loro precedenti prove “soliste”. Mossi dal comune rispetto per il lavoro dell'altro, i due hanno trovato la loro forza nella comunione tra l'inconfondibile voce e le inventive linee di chitarra di Thalia Zedek, e le inclinazioni metal dei lavori chitarristici di Sanford. Zedek e Sanford hanno poi avvicinato l'amico di lunga data Gavin McCarthy chiedendogli di aiutarli ad espandere il loro sound. Benché McCarthy, inizialmente, pensasse di essere il bassista ideale per la band, una volta finito dietro la batteria, capì immediatamente che il suo stile agile ed espressivo era tutto quello di cui la sezione ritmica degli E aveva bisogno. Gli E vanno contro ogni aspettativa, e pur non avendo nessun bassista, il loro suono è molto tirato ed enfatizzato sul ritmo. “Delicate Fingers” è un ottimo esempio del loro approccio inventivo alla musica. Ogni componente della band canta nell'album, gettando sul tavolo i propri testi e le proprie melodie. Al contrario di molte band con più voci in cui tutto gravita attorno alla melodia, gli E mostrano la voce di ciascun componente della band nella propria individualità, con McCarthy che provvede ad alcune delle prove vocali più coraggiose dell'intero disco, come nell'esplosiva “Candidate”. Poiché ogni membro della band ha delle caratteristiche ben precise e distinguibili nel proprio stile, gli E sono capaci di mostrare un controllo totale del proprio sound, rimanendo al contempo focalizzati nell'avere la libertà di sperimentare. Gli E stanno pianificando un tour americano ed europeo a supporto dell'uscita dell'album, a partire dal prossimo inverno.

 

Il Circolo Arci Zone K in collaborazione con Roots Music Club, ARCI Ferrara e con il Patrocinio del Comune di Ferrara presentano:

GRANT LEE PHILLIPS
Opening Act: Hayward Williams

Martedì 14 Febbraio 2017 SALA ESTENSE - FERRARA
DATA UNICA IN ITALIA!

Apertura Porte ore 20:00 | Inizio Show ore 21:15
Ingresso: € 15,00

Prevendite online su portale dedicato: http://bit.ly/GrantLeePhillipsFE

Un evento unico e imperdibile avrà luogo alla Sala Estense in Piazza Municipale a Ferrara, Martedì 14 Febbraio 2017, con il concerto dell’iconico cantautore americano Grant Lee Phillips.
Nato nel 1963 a Stockton, in California, Grant Lee Phillips è entrato nella storia della musica rock Americana degli ultimi 25 anni grazie alla leadership della formazione Grant Lee Buffalo, con cui ha scritto pagine importanti e ha raggiunto un successo notevole. Ancora oggi, dischi come “Fuzzy” e “Mighty Joe Moon” fanno parte della leggenda e hanno notevolmente segnato quegli anni ’80 e ’90 in cui la contaminazione tra il rock, il punk, la new wave e il folk raggiungeva livelli altisonanti non solo nella West Coast, grazie a band come R.E.M., Pixies, American Music Club e Counting Crows. Nella loro carriera, i Grant Lee Buffalo hanno intrapreso tour promozionali insieme a Pearl Jam, R.E.M., Smashing Pumpkins e Cranberries.
La carriera solista di Phillips inizia nel 1999, una volta sciolti i Buffalo, con una serie di dischi in cui il nostro mette anche in mostra una certa abilità come polistrumentista, soprattutto in “Mobilize” del 2001, seguito da “Virginia Creeper”, a oggi uno dei suoi migliori lavori. La sua passione per la new wave viene sprigionata con la pubblicazione di “nineteeneighties”, una collezione di cover di brani di Nick Cave, Echo & The Bunnymen, New Order, Joy Division, The Cure e molti altri pionieri del genere e icone degli ’80. Nel 2009 ha pubblicato l’ottimo “Little Moon” su Yep Roc Records, seguito da “Walking in the Green Corn” tre anni più tardi. La sua esplorazione nelle radici del folk trova un eccellente risultato nell’ultimo, ben accolto, “The Narrows”, uscito nel Marzo 2016, e dai più descritto come l’ennesima dimostrazione del talento artistico e della bravura di Phillips.

Lo show di Grant Lee Phillips alla Sala Estense sarà introdotto dall'opening act del folksinger di Milwaukee Hayward Williams. Voce profonda ma delicata, lo stile di Williams è asciutto e snello ma compensato dalla sua sincera naturalezza e dalla sua spiccata e quasi provocatoria personalità sul palco. Recentemente Williams ha pubblicato il suo sesto lavoro "The Reef", prodotto da Jeff Focault con la partecipazione di Billy Conway dei Morphine.

 


NOVITA' TESSERAMENTO ANNO SOCIALE 2016-2017

Annunciamo la novità nel tesseramento, che cambia per quest'anno sociale.
Infatti, il periodo di associazione non sarà più dal 01 Gennaio al 31 Dicembre, ma a partire da quest'autunno seguirà la stagionalità degli eventi dall'autunno a quello successivo.
Le nuove tessere Arci sono già disponibili con validità dal 01 Ottobre 2016 e chi ne fosse interessato può anche richiederle compilando la domanda online a questo indirizzo:
https://portale.arci.it/preadesione/roots-music-club/
Una volta compilata la pre-adesione, sarà possibile ritirare la tessera al primo evento organizzato dall'associazione o accordandosi con noi per il ritiro rispondendo a questa email. La quota sociale come ogni anno è di 10,00 €.
A questo indirizzo le convenzioni per i soci Arci nella provincia di Ferrara: http://www.arciferrara.org/p/15/convenzioni-soci.html
Le tessere dell'anno 2016, già in vostro possesso saranno comunque valide fino al 31/12/2016.


CIRCOLO ARCI ZONE K

La seconda novità è legata ad una notizia purtroppo triste per la nostra città: la NON riapertura del CIRCOLO ARCI ZONE K nella sede di Malborghetto di Boara (FE).
Il Roots Music Club perde un importante punto di appoggio per l'organizzazione delle proprie iniziative culturali nella città di Ferrara, ma si pone in una posizione di totale vicinanza e sostegno nei confronti dell'associazione ZONE K, che continuerà ad esistere, anche senza una sede fissa. Pertanto prevediamo di ORGANIZZARE una serie di appuntamenti "itineranti" in città, in totale sinergia ZONE K-ROOTS MUSIC CLUB. Sarete aggiornati non appena ufficializzeremo i primi concerti.
Di seguito riportiamo il COMUNICATO UFFICIALE pubblicato dall'associazione Zone K in merito alla loro non riapertura.

 

"Il nostro è un arrivederci, non un addio. Certo non ci sarà più la bella cornice della location a Malborghetto di Boara, ma Zone K esiste da una decina d’anni, è un’idea e le idee restano, vanno coltivate ed è quello che continueremo a fare.
L’anno passato è stato e resta per noi meraviglioso, sia dal punto di vista artistico/culturale, che da quello umano, con decine di concerti (150 per la precisione) di band italiane e straniere e con la sorprendente partecipazione di un pubblico attento, curioso e rispettoso. Quindi un grazie di cuore va a tutti quelli che ci hanno sostenuto, Zone K siete anche voi.
La fine del percorso a Malborghetto, questo ci teniamo a sottolinearlo, non è stata causata da assenteismo agli eventi o da problemi interni all’Associazione, ma dal mancato rinnovo del contratto d’affitto. Il programma e le idee per il secondo anno di attività erano tutte sul tavolo.
Zone K ed il suo “modus operandi” continueranno comunque ad esserci e noi continueremo a lottare per fare emergere da questi “terreni” arte, musica e cultura di livello, come è da sempre stata nostra intenzione.
Zone K vive, è solo un arrivederci."

 

Questo sito utilizza cookie e strumenti terzi al fine di migliorare i servizi offerti. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro utilizzo. Per maggiori informazioni o per disabilitarne l'uso leggi la nostra cookie policy.

Accetto i cookie di questo sito:

EU Cookie Directive Module Information